3d_Valsecchi

Festa del Crocefisso

Locandina evento Terre d'Acqua

Il Parco delle Risaie a Terre d’Acqua

15 settembre 2015 Rassegna stampa, Tutte le notizie

Articolo Il Foglio – Città di Campagna

Articolo IlFoglio - Città di campagna

Il Foglio parla del Parco delle Risaie, in un articolo a firma di Maurizio Crippa, dell’11 settembre 2015.

Milano è il secondo comune agricolo italiano, con tremila ettari di terra coltivata, con 65 cascine presenti attive dentro i suoi confini. Esiste un Distretto agricolo milanese (Dam) con 34 aziende censite, che “sconfina” nel Parco agricolo sud e negli altri distretti che fanno da corona verde alla città.

“Il Parco delle Risaie è una delle cose più belle e meno conosciute della Milano città di campagna. È un Parco agricolo urbano di circa 660 ettari che si estende fino ai confini di Assago e Buccinasco, cullato e alimentato dalle acque dei due navigli, il Grande e il Pavese, e l’acqua che arriva ad allagare le risaie fin sotto ai palazzi è ancora, come secoli fa, l’acqua del lago Maggiore, attraverso il Ticino e la rete dei canali.” L’articolo ricorda la nasciat della nostra associazione nel 2008 come forte volontà dei cittadini della zona e degli agricoltori per il recupero funzionale di un’area vasta e produttiva e di un territorio poco conosciuto e molto bello.

Desideriamo infatti valorizzare il legame tra città di campagna e campagna vera e propria; un fascino segreto di cui si stanno accorgendo anche gli amministratori che includono questa ricchezza nei loro piani territoriali.

Nell’alveo di Expo a maggio abbiamo lanciato “La strada del riso”: un percorso di visita turistico-didattico dentro un pezzo di storia economica importante di Lombardia. È riso fatto in città, ma è in grado di reggere i ritmi della grande distribuzione.

Leggi tutto l’articolo.

 

Maurizio Crippa è nato a Milano quando via Solferino era in periferia, alla Mangiagalli quando era la fabbrica dei bambini. Il 27 febbraio 1961, e c’erano le rondini, dice sua mamma. E’ cresciuto a Monza, che è un po’ la sua Heimat, ha fatto studi di lettere e di cinema. E’ al Foglio da quando c’è, scrive letterine e di tutto quanto gli sembri interessante. Spesso di Chiesa, che interessa a lui, ma non solo a lui. Il blog non ce l’ha, ha Zeru Tituli. Ama Jannacci, Javier Zanetti, Neil Young. Vivrebbe in montagna, leggerebbe di più. Ha una moglie, Emilia, e due figli, Giovanni e Francesco, il che per lui è più bello che avere tempo libero.

 

Comments are closed.